Rilevare dati ripetitivi diventa facile con l’app “Collector for ArcGIS”!

Quando ci si trova in campo, a volte è necessario disegnare entità differenti (ad esempio geometrie puntuali) ma ripetitive, ovvero con tipologia geometrica e attributi identici, sia nella stessa posizione, sia “copiato”  in una posizione differente.

Come fare per velocizzare una raccolta dati di questo tipo?

Semplice! Cambiando le impostazioni di raccolta continua dei dati!

Vediamo come fare per modificare queste impostazioni. Indipendentemente dalla piattaforma che si sta utilizzando (iOS o Android) le impostazioni da modificare si trovano nella schermata “Tutte la mappe”.

All’interno delle impostazioni troviamo una opzione chiamata “Stile della raccolta”.

Screenshot_2014-07-11-10-02-45

Leggi il resto dell’articolo

Annunci

Utilizzare le proprie basemap nel Collector for ArcGIS

La basemap giocano un ruolo importante nel lavoro svolto in campo fornendo una utile referenza geografica quando si raccolgono o aggiornano i dati in campo.

ESRI da parecchio tempo offre la possibilità di scegliere gratuitamente tra svariate basemap per gestire i propri dati col software GIS.

E’ necessario sapere che, quando si ha la necessità di lavorare offline, le basemap di ESRI possono essere scaricate direttamente sul proprio smartphone o tablet utilizzando l’App Collector.

Tuttavia è possibile pubblicare le proprie basemap utilizzando ArcGIS Server (versione 10.2.2 o superiore) e renderle disponibili per l’utilizzo col Collector come un servizio o utilizzare ArcMap e copiarle direttamente sullo smartphone o tablet. Questo è il metodo più efficace per rendere le proprie basemap disponibili all’interno del Collector.

Vediamo passo per passo la procedura da seguire per compiere questo passaggio.

Creare le Basemap personalizzate

L’App Collector utilizza il formato tile package (.tpk) per salvare le basemap sui device. Ci sono più modi di creare i tile packages, e forse quello più semplice è utilizzare ArcMap.

Per poter creare un tile package da ArcMap è prima necessario abilitare i Packaging Tools nella finestra delle Opzioni di ArcMap. Questo è possibile farlo cliccando su ArcMap ->Options nella finestra Customize e poi mettendo la spunta sull’opzione “Enable ArcGIS Runtime Tools”.

RuntimeTools

Leggi il resto dell’articolo

Un esempio dell’utilizzo in campo di “Collector for ArcGIS”

La piattaforma ArcGIS Online come è ormai noto ha introdotto nel panorama GIS anche alcune applicazioni mobile disponibili per il download nei diversi Marketplace (Apple Store, Play Store, Windows App Store, Amazon Store).

Una delle più interessanti è sicuramente Collector for ArcGIS, applicazione che oltretutto è stata recentemente aggiornata (vedere post all’interno del blog) e attualmente disponibile per iOS e Android (non si sa bene quando ma presto lo sarà anche per WindowsPhone 8).

L’articolo non vuole elencare e spiegare le funzionalità di questa app già descritte precedentemente ma dare la possibilità di comprenderne le potenzialità “in campo” riprendendole da una casistica descritta da ESRI America.

Leggi il resto dell’articolo

ArcGIS Collector and Operations Dashboard si aggiornano!

Nelle ultime settimane le applicazioni ArcGIS Collector e Operations Dashboard hanno ricevuto importanti aggiornamenti che ne implementano le già notevoli funzionalità.

Le release 10.2 introducono nuove funzionalità nella raccolta dati e nel monitoraggio delle informazioni all’interno della propria organizzazione.

Collector

Il Collector (attualmente disponibile per Android e iOS) ha un look tutto nuovo ed è stato ottimizzato per supportare sia i tablet che i nuovi display degli smartphone (sia per dimensione che risoluzione), aggiungendo nuove funzionalità di raccolta dati (supporto alle linee e poligoni tramite streaming GPS, indicatore di precisione del GPS, modalità di raccolta continua, raccolta basata su un offset).

Leggi il resto dell’articolo

ArcPad 10.2 migliora l’integrazione con ArcGIS

Esri ha recentemente rilasciato ArcPad 10.2.

ArcPad è un software mobile progettato per i professionisti GIS che necessitano di raccogliere i dati direttamente in campo.

La nuova versione di ArcPad migliora la sincronizzazione con la piattaforma ArcGIS Desktop e la velocità della raccolta dei dati con nuove opzioni di automazione.

ArcPad

L’ultima versione di ArcPad offre agli utenti la possibilità di aprire i feature services di ArcGIS direttamente in ArcPad e sincronizzare facilmente le modifiche effettuate (editing). La nuova funzionalità migliora in modo significativo i flussi di lavoro mobili, consentendo l’editing scollegato dei servizi già pubblicati. Inoltre, ArcPad offre agli utenti la possibilità di automatizzare le modifiche con una opzione Quick Fields, che può essere personalizzata per compilare automaticamente qualsiasi campo durante la raccolta dei dati.

ArcPad 10.2 include anche una nuova integrazione con ArcGIS Online. Con questa opzione, gli utenti possono memorizzare i loro progetti ArcPad e i modelli QuickProject come un pacchetto di ArcPad nei loro account di ArcGIS Online per la condivisione diretta con i membri del loro gruppo. Gli abbonati ad ArcGIS online possono anche sfogliare i contenuti di ArcGIS Online direttamente all’interno di ArcPad con la possibilità di selezionare e scaricare un progetto o un modello o di creare un flusso di lavoro semplice e collaborativo.

Per maggiori info consultare il seguente link: http://www.esri.com/esri-news/releases/13-3qtr/arcpad-102-improves-integration-with-arcgis